Le prestazioni offerte in materia di consulenza tecnica si affinano in due sottocategorie regolamentate rispettivamente dagli articoli 61 e 68 C.p.c e dal Decreto Ministeriale n. 182/2002.

In altre parole ci stiamo riferendo alla Consulenza Tecnica d’Ufficio e alla Consulenza Tecnica di Parte, istituti nei quali i nostri consulenti intervengono a sostegno del giudice o di una delle parti, in rapporti fiduciari ove è richiesto un qualificato supporto tecnico negli ambiti tecnico-pratici o teorici, dei temi giurisprudenziali del Lavoro e Tributario.

In particolar modo, esponendo il contenuto del citato decreto, la consulenza viene prestata “Per la perizia o la consulenza tecnica in materia di accertamento di retribuzioni o di contributi previdenziali, assicurativi, assistenziali e fiscali, nonché per ogni altra questione in materia di rapporto di lavoro”.